Ricarica in 17 minuti di Xiaomi

Xiaomi, l'azienda Cinese che ha avuto il "boom" nell'ultimo periodo non smette mai di stupire il suo "pubblico".
Quindi, cos'ha fatto di così stupefacente Xiaomi?
L'azienda di cellulari anche chiamata Mi ha sviluppato un nuovo caricabatterie in grado di caricare un cellulare con 100W di potenza in 17 minuti, portando la batteria dal 0% al 100% di carica.
L'azienda Cinese ha diffuso un video in cui mostra il "super caricabatterie" in azione, ma non ha fortino altri dettagli a riguardo, neanche la data di uscita, aspettiamo ulteriori notizie.

Per qualsiasi informazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per contatti di tipo commerciale: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stadia, la nuova console Google

 

Come annunciato alla Game Developer Conference 2019 Google ha presentato la sua nuova piattaforma da gioco, chiamata Stadia, che promette di rivoluzionare il mondo del gaming.

Basandosi su un innovativo sistema basato sullo streaming dei titoli, Stadia non è una “console” così come siamo abituati a pensare, cioè una scatola contenente l’hardware collegata alla televisione. 

Essa è una piattaforma basata sullo streaming dei giochi, che possono essere fatti girare ovunque e su qualsiasi piattaforma attraverso la tecnologia software già sperimentata nel 2018 su Google Chrome con Project Stream.

In poche parole, i gamer potranno fruire di qualsiasi gioco, che verrà streammato su qualsiasi piattaforma di loro proprietà (computer, laptop, tablet, telefono o console) al massimo del dettaglio e al massimo della fluidità.

Il cambiamento è epocale siccome elimina completamente lo stesso concetto di requisiti hardware e garantisce una prosecuzione fluida del gameplay di piattaforma in piattaforma, come se lo stato del mondo si salvasse in continuazione.

Questo nuovo concetto di “stato del mondo” sostituisce i salvataggi a cui siamo abituati e potrà essere condiviso: amici e sconosciuti potranno, cliccando un link, accedere alla partita di un altro utente senza alcuna interruzione.

Anche i caricamenti, gli aggiornamenti e tutte le seccature che si interpongono tra il gioco e la sua fruizione sembra che verranno completamente eliminati da questa nuova concezione di gaming.

Al lancio Google Stadia supporterà il 4K, i 60fps, l’HDR e il surround. 

 

(leggi altro cliccando qui sotto) 

 


Stadia, la nuova console Google

 

La compagnia ha promesso che in futuro si punterà addirittura a 8K e 120fps. Inoltre la piattaforma avrà pieno supporto al cross platform.

Majd Bakar di Google ha dichiarato che Stadia garantirà prestazioni superiori rispetto a quelle di PS4 Pro e Xbox One X messe assieme: si parla infatti di 10,7 teraflops per la GPU, contro i 4,2 di PS4 Pro e 6 di Xbox One X. A livello di CPU Stadia sarà dotato di un processore custom x86 da 2,7 GHz accompagnato da 16GB di RAM.

Per questo ambizioso progetto Google ha stretto una partnership con Ubisoft e id Software, ma anche con i creatori di Unity, Havok, Unreal Engine e CryEngine per l’uso dei rispettivi motori grafici e software. Grande importanza avranno anche gli streamer, che potranno condividere le loro sessioni di gioco in tempo reale su YouTube. Non mancheranno poi tecnologie e funzionalità pensate apposta per il gioco multiplayer, come Stream Connect.

C’è inoltre una periferica hardware: Google ha svelato il controller di Stadia, che potete vedere nell’immagine in calce. Oltre ai soliti tasti, questo controller presenta due pulsanti speciali: il primo è appositamente dedicato allo streaming su YouTube, mentre il secondo permetterà di accedere ad un assistente vocale che fornirà informazioni extra sul videogioco che si sta giocando. Se ad esempio si rimarrà bloccati in un punto di un gioco, si potrà usare il pulsante per chiedere aiuto: Google Assistant mostrerà quindi una video soluzione su schermo in tempo reale.

Per concludere, Phil Harrison di Google ha annunciato che Google Stadia uscirà nel corso del 2019 in USA, Canada, UK e nella maggior parte d’Europa. L’Italia sarà probabilmente inclusa.

Il prezzo da pagare per tutto questo? La probabile scomparsa del concetto di proprietà del videogioco, e la consacrazione della sua natura come servizio e non come bene.

Al momento non sappiamo se Google Stadia sarà un servizio a pagamento o se ogni gioco dovrà essere acquistato singolarmente, ma vi terremo aggiornati non appena ne sapremo di più.

Per qualsiasi informazione: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per contatti di tipo commerciale: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

­